t_it_header/playtechchat">

|

Prop bet: le scommesse impossibili dei poker pro

Pubblicato da Andrea, 1° settembre 2015

le prop bet più stravaganti dei giocatori di poker

Chi conosce bene il mondo del poker sa ancora meglio che la maggior parte dei professionisti, oltre ad essere degli abili giocatori, sono anche dei noti gambler. Ed è cosa ancor più nota che a molti player piace competere con i colleghi non soltanto ai tavoli verdi ma anche scommettendo sulle cose più bizzarre. Tutte quelle scommesse che vengono effettuate extra poker, e che vedono protagonisti due o più giocatori, prendono il nome di pro position bet, meglio conosciute come prop bet.

Per molti si tratta di un semplice passatempo, per altri di un modo per mettersi alla prova, per altri ancora invece rappresentano delle vere e proprie gare. Qualunque sia il motivo della sfida, però, le cifre messe in ballo sono quasi sempre clamorose. Non ci credete? E allora date un’occhiata alla nostra speciale classifica delle prop bet più strane e divertenti del mondo. Sette come i sette peccati capitali.
 

1. Jay Kwik: un mese da passare in un bagno del Bellagio

Al primo posto della nostra speciale classifica delle prop bet c’è senza dubbio quella del noto giocatore di poker Jay Kwik. Quest’ultimo venne sfidato dall’amico e collega Andrew Robl a trascorrere 30 giorni all’interno di un bagno del Bellagio Hotel di Las Vegas. Prima dell’ingresso vennero stabiliti alcuni parametri secondo cui il malcapitato, oltre a ricevere la necessaria fornitura di cibo, poteva portare con sé un lettore CD ed utilizzare per qualche minuto al giorno il telefono cellulare.

Posta in gioco 40.000 dollari con tanto di telecamera posta al di fuori del bagno a controllare che Kwik non uscisse dalla sua nuova abitazione. Quale sia stato l’esito della prop bet non lo sappiamo, ma certamente è in cima alla lista di quelle più strane.
 

2. Ilari “ziigmund” Sahamies si fa tatuare il nome dell’avversario

Ilari Sahamies scommette su un tatuaggio particolare
Immagine gentilmente concessa da Elena Gatti

Oltre ad essere noto come mago del Pot Limit Omaha, il buon Ilari “ziigmund” Sahamies è anche un grande scommettitore famoso per le sue prop bet lanciate molto spesso dopo aver alzato non poco il gomito. Una delle più bizzarre che ha visto protagonista il top player finlandese è quella giocata con l’amico e connazionale Ville Wahlbeck. I due hanno scommesso su una partita di poker cinese e chi avrebbe sconfitto l’avversario totalizzando 50 punti lo avrebbe costretto a tatuarsi sul braccio il proprio nome. Niente male vero? Ma non è finita perché il perdente avrebbe dovuto tenere in bella vista il nome dell’avversario per almeno dieci anni senza sovrapporne un altro.

I due stabilirono anche una scappatoia alla prop bet con un pagamento di una penale (di cui non conosciamo l’entità) sotto accettazione del vincitore. E visto che non sappiamo bene come questa storia sia andata a finire è probabile che i due contendenti, alla fine dei giochi, abbiano trovato un accordo.
 

3. Ilari “ziigmund” Sahamies si fa tatuare il nome dell’avversario

Quando si gioca live capita molto spesso di annoiarsi, specialmente quando c’è poca azione e quando capitano brutte carte. Probabilmente per questo motivo Clonie Gowen e Brandon Cantu, nel corso di un torneo di beneficenza, decisero di effettuare una prop bet alquanto stravagante che mettiamo sul gradino più basso del podio della nostra speciale classifica. I due scommisero che il primo ad uscire dalla competizione si sarebbe beccato sulla schiena una bella scarica di taser gun (la pistola elettrica della polizia americana).

Ad uscire per primo fu Cantu che tuttavia, in base a quello che sappiamo, decise di non pagare la scommessa ritirandosi dal torneo. I nodi, però, prima o poi vengono al pettine e nell’anno successivo proprio durante lo stesso torneo di beneficenza, il buon Phil Hellmuth si prese la briga di far pagare dazio all’amico regalandogli una bella scarica elettrica da circa due metri, mentre altri due giocatori lo tenevano fermo.
 

4. Amarillo Slim e il lancio da golf lungo un miglio

Amarillo Slim e il lancio da golf lungo un miglio
Immagine gentilmente concessa da Krzysztof Urbanowicz

Il quarto posto nella nostra speciale classifica delle prop bet più stravaganti spetta al grande Amarillo Slim. Il famoso giocatore di poker scommise per 40.000 dollari che avrebbe effettuato un lancio di glof superiore ad un miglio di lunghezza. Stabilito che non avrebbe lanciato la pallina né da una montagna, né tantomeno da un aeroplano ma da un tee regolare furono davvero in molti ad accettare la scommessa.

Soldi facili per tutti? Neanche per idea, perché personaggi del genere ne sanno una più del diavolo. E infatti il gioco fu chiaro quando Amarillo Slim guidò con la sua macchina verso un lago ghiacciato, parcheggiò lì vicino e piazzò la pallina sulla riva. Con una grandissima folla intorno, che ormai aveva cominciato a capire di aver subito un bel bluff, effettuò il lancio e la pallina scivolò sul ghiaccio per più di un miglio.
 

5. Antonio Esfandiari e la prop bet al ristorante

La prop bet che stiamo per descrivervi è alquanto curiosa non tanto per l’entità della scommessa ma soprattutto per le modalità con cui è stata effettuata. Il protagonista è Antonio Esfandiari che mentre si trovava a cena con degli amici giocatori di poker presso un lussuoso ristorante di Las Vegas decise di ingaggiare un duello col cameriere. Come molti di voi sapranno è buona usanza a Sin Sity lasciare una mancia del 20% a chi ha servito il proprio tavolo.

In questo caso, però, dopo aver visto il conto di 650 dollari The Magician decise di proporre al cameriere di scommettere il proprio compenso giocandoselo a testa o croce. Se avesse vinto il cameriere avrebbe preso una mancia più che doppia, pari al 45%, mentre se avesse perso avrebbe dovuto rinunciare a tutto. Scommessa accettata e vinta dal ragazzo che a conti fatti se n’è andato con una bella mancia di 310 dollari.
 

6. Ted Forrest scommette di perdere più di 20 Kg in 2 mesi

Ted Forrester scommette di perdere più di venti chili in due mesi

Sesto posto per Ted Forrest che vinse quella che secondo noi è stata senza dubbio una delle prop bet più difficili della storia. Il giocatore di poker statunitense scommise con Mike Matusow che avrebbe perso più di 20 kg in due mesi passando da 85 a 62 chili. Mike accettò pensando che l’amico non avrebbe mai potuto vincere una scommessa del genere.

Tuttavia dovette ricredersi due mesi dopo visto che Forrest riuscì nella folle impresa. E visto che la prop bet prevedeva un pagamento di due milioni di dollari per il perdente, Matusow si trovò con un bel conto da pagare. A venirgli incontro, però fu proprio l’amico Ted che gli consentì di dilazionare il pagamento in rate da 5.000 dollari da dividere in 18 anni. Del resto cosa non si farebbe per gli amici?
 

7. Phil Ivey: niente carne per un anno?

L’ultima prop bet della nostra speciale classifica ha visto protagonista Phil Ivey il quale scommise con l’amico e collega Tom Dwan che non avrebbe mangiato carne per un anno intero. Posta in gioco della scommessa, un milione di dollari: pochi spiccioli per i due giocatori di poker, un vero e proprio capitale per la maggior parte della gente. Già da diverso tempo il Tiger Woods del Poker aveva annunciato di voler intraprendere questa dieta e la scommessa con Durrrr non è stata altro che un incentivo.

Un buon proposito, non c’è che dire. Peccato che il tentativo di Ivey sia durato soltanto tre settimane e che proprio durante una festa tra amici non seppe resistere davanti alla tentazione di mangiare un bel pollo arrosto. Una degna conclusione, dunque, di una breve avventura da vegetariano che non ha fatto altro che riempire le tasche del buon vecchio Tom Dwan.

<< Sit & Go: gli errori più comuni da evitarePoker e strategia: 5 consigli per gli Heads Up >>
X