|

Calcolo delle probabilità per giocatori di Hold’em - Parte 3

Eccoci alla parte 3 della lezione sulla matematica dell’Hold’em. Usando le basi apprese finora sulla matematica del poker, affrontiamo ora alcuni calcoli molto importanti nel Texas Hold'em.

Giocando a Hold’em succede abbastanza speso di floppare 4/5 di colore o di scala. Conoscere le probabilità che si hanno di legare questi due tipi di progetto, confrontate con le quote di incasso offerte dal piatto, ci permette di avere tutte le informazioni che ci servono per capire se conviene foldare o tentare il progetto.

Calcolare le quote d’incasso nel poker è facile. Calcola - o stima - la dimensione del piatto e confrontala con il tuo investimento. Ti conviene provare a calcolare quanti soldi ci saranno nel piatto alla fine della mano, e confrontare la cifra con quella del tuo investimento.

Mettiti alla prova con questi esercizi

Calcola le probabilità di legare un colore avendo in mano due carte dello stesso seme e con altre due carte suited uscite al flop.

Ipotizziamo tu abbia in mano A♥J♥e che il flop sia 8♥7♣3♥. In un mazzo ci sono 13 carte per ogni seme, e tu ne hai già contate 4. Soltanto nove, delle rimanenti 47 carte, sono di cuori, e le 38 rimanenti non ti servono a nulla. Se non leghi il colore al turn, rimangono dunque solo 46 carte sconosciute. Nove di queste sono cuori, le altre 37 non ti aiutano. Moltiplichiamo le frazioni. L’abbiamo già fatto altre volte, non è difficile. Moltiplica il numeratore della prima frazione per il numeratore della seconda frazione, poi fai lo stesso con i denominatori. Il risultato è 38/47 x 37/46, equivalente a 1406/2162.

Se sottrai il numero di eventi perdenti (1406) dal numero totale di eventi (2162) ti rimangono altre 756 combinazioni che possono tradursi in un colore. Ora dividi 756 per 2162. La risposta è 0,35 (o il 35%). Se floppi quattro quinti di colore, realizzerai il colore il 35% delle volte.

Quante sono le probabilità di realizzare una scala quando floppi un progetto di scala bilaterale?

Se hai in mano 9♦8♦, e il flop è A♣7♠6♥, hai floppato un progetto di scala bilaterale. Un dieci o un cinque qualunque completeranno la tua scala. Poiché ce ne sono quattro di ognuno, una qualunque carta di queste otto legherà la tua mano.

In questo caso, quindi, mancherai la tua scala 39 volte su 47 al turn, e 38 volte su 46 al turn. Moltiplicando 39/47 x 38/46, scoprirai dunque che mancherai la scala 1482 volte su 2162. Sottrai il numero delle mani mancate dall’universo delle possibilità (2162 - 1482) e scoprirai che legherai una scala 680 volte ogni 2162 volte che hai floppato un progetto di scala bilaterale.

Dividendo 2162 per 680, scoprirai che legherai la scala il 31,5% delle volte, il che equivale alla quota/probabilità di 2,17 a 1 di legare la tua mano.

Quante possibilità hai di floppare almeno una coppia, se prima del flop hai in mano A-K?

Dovresti seguire il senso comune e rilanciare con A-K, o è meglio un tranquillo call per poi diventare più aggressivo nel caso il flop sia favorevole? Prima di pensare a quale sia la tua posizione in materia, ti serve sapere quanto è probabile floppare almeno una coppia, avendo in mano queste due carte.

Ancora una volta, comincia calcolando le volte che perderai la mano, quindi sottrai il numero di mani perdenti dall’universo totale delle possibilità.

Poiché hai già in mano un asso e un re, tra le rimanenti 50 ci sono soltanto sei carte utili, e altre 44 che non ti aiuteranno. Moltiplica 44/50 x 43/49 x 42/48 e otterrai 79.464/117.600. Sottrai le 79.464 mani non utili all’universo delle 117.600 combinazioni possibili e scoprirai che ci sono 38.136 modi per migliorare la tua mano iniziale legando almeno una coppia di assi o di re. Dividi 117.600 per 38.136 e scoprirai che il 32,4% delle volte otterrai almeno un asso o un re, il che equivale a una quota di 2,1 a 1 di migliorare la mano iniziale A-K al flop. Questo non offre una risposta definitiva al dubbio se sia meglio rilanciare o fare call, ma se non altro hai a disposizione alcuni elementi per ponderare meglio il tuo problema.

X