|

IPO 11 Summer Edition: l'intervista a Gerardo Muro

Parla 'Dinobreak'

Gerardo Muro, alias 'Dinobreak', è uno dei giocatori italiani più forti e soprattutto simpatici in circolazione. Lo ha dimostrato ancora una volta, stando al gioco di Jack Bonora, che ha cercato invano di portargli fortuna durante un paio di mani nelle quali, in realtà, Muro ha visto delle carte davvero brutte.

Ma 'Dinobreak' è grande proprio perché non si lamenta (quasi) mai, ha sempre il sorriso sulle labbra. Anche se all'Italian Poker Open non ha mai avuto molta fortuna, visto che non è ancora riuscito ad arrivare in the money. Chissà, magari questo IPO 11 Summer Edition potrebbe rappresentare la sua prima volta: al momento Gerardo ha circa 45.000-47.000 chip, quando l'average è poco superiore ai 50.000 gettoni. Non è messo benissimo, ma sicuramente neanche male.

Al microfono di Jack Bonora, Gerardo Muro ha confermato di divertirsi sempre tantissimo all'Italian Poker Open, un torneo da soli 550 euro di buy-in che può far vincere grossi premi, visto che è sempre molto partecipato (e IPO 11 Summer Edition non fa differenza). Muro abita a Milano, quindi per lui è comodo arrivare al Casinò di Campione d'Italia e sedersi ai tavoli dell'IPO, particolarmente apprezzati da 'Dinobreak' visto che la struttura del torneo è davvero molto buona. E se lo dice uno come Gerardo Muro, c'è da crederci.

Video correlati a: IPO 11 Summer Edition: l'intervista a Gerardo Muro

Trascrizione video

Dinobreak, concentratissimo, di grande buio… dai rido anch'io, l'abbiam messa in ridere, rideremo! Cosa vuoi fare… poi che motivo ci sarebbe di esser tristi scusa?

"No no, non ne ho. Grazie a Dio non ne ho. Non ne ho".

Perché le chip…

"Perché non faccio itm all'IPO e basta, è solo… l'unica cosa che…"

Manca ancora.

"Oooh".

Ma cos'è, una maledizione?

"Sicuro".

Adesso io, non so, provo a portarti bene, ma non vorrei poi far arrabbiare gli altri, perché dopo dicono 'porti male agli altri', no? È un classico. Come andiamo? Chip quante?

"Poca roba, 45-46. 47".

Be', l'average è 52, andiamo ancora dignitosamente.

"Sì ma, perché il tavolo è tranquillo, sono bravi ragazzi e allora stanno… ci stiam divertendo. Adesso, adesso che lo rompono, lo rompono, diventa preoccupante".

Guarda, io ti seguo una mano in diretta e vediamo… a parte che vedo che c'è anche chi ha una pila di chip piuttosto importante. Vediamo, dai una spillata, dai che controlliamo con la telecamera. Dimmi.

"L'ho già vista?"

Simile.

"Ah ok, non me la ricordavo"

Mi pareva una cosa simile, non è la telecamera che condiziona. Però dici…

"Vuoi provare se di piccolo ce l'ho uguale ancora?"

Dopo possiam fare anche un altro giro, ti seguo anche in un'altra mano, ma vorrei chiederti una cosa: non vai a premi all'IPO, però tu non molli mai, ci sei sempre?"

"Abito qua, abito a Milano quindi naturalmente. Poi comunque, 800 persone anche oggi".

Sì, alla fine siamo alle soglie dell'estate, numeri ancora eccezionali… guarda!

"Cioè io prima c'ho 9-4, adesso 9-5".

Hai capito! Vedi, alla fine abbiam portato bene agli altri, perché così non possiam dire che era in stile reality. Guarda, ti do un'ultima opportunità: facciamo un tentativo di piccolo buio, vediamo se succede qualcosa.

"Tanto di piccolo c'avrò 9-6".

Piano piano, vedi, stiamo salendo, così almeno una crescita l'abbiamo. Allora mi dicevi alla fine l'IPO rimane un must; vuoi perché sei di Milano che sei a due passi, ma ne val la pena comunque. Eh?

"Ne vale la pena per quello che investi, quello che rischi di portare a casa se… e poi comunque costa poco, qua ti diverti, la struttura… la struttura è buona, quindi… siamo qua, siamo qua, siamo qua a divertirci. Se usciamo sicuramente non ci… guarda che non lo faccio quasi mai, però… va bene, va bene così".

Tu la prendi effettivamente sempre con il sorriso, come poi è giusto che sia, perché, voglio dire, rimane comunque un gioco.

"Quasi sempre. Sì sì, quasi sempre".

Vabe', un po' di tensione c'è dai. Un'altra spillata… vediamo… bene, noi ti salutiamo, grazie: è stato un piacere eh!

X