|

IPO 12 Day 2, quasi terminato il day di gioco

90 giocatori a premio

Il poker, si sa, è imprevedibile. Capita così che quando tutti stiano ormai aspettando la fine del Day 2 all'Italian Poker Open, convinti che la bolla non scoppierà più, arrivi l'eliminazione del novantunesimo classificato. A 18 minuti dal termine di questa lunga e intensa giornata di gioco a IPO 12, infatti, Lucas Sasky si scontra con un colore all'asso e perde le sue ultime 250.000 chip, tornandosene a casa con le pive nel sacco e facendo esultare gli altri 90 giocatori, soprattutto quelli più corti che stavano pregando di riuscire ad arrivare a fine giornata.

Ora tutti i 90 player superstiti, dei 900 che hanno iniziato questa avventura a IPO 12, sono ufficialmente a premio. Dando un'occhiata alle parti alte della classifica, inoltre, vediamo come il chip leader sia Riccardo Trevisani, noto giornalista appassionato di poker, che già da qualche ora stava navigando ai vertici del chip count. Chissà che Trevisani non riesca a rimanere al top della classifica anche durante il Day 3, e magari ad arrivare a un final table che metterà in palio una prima moneta da urlo: 100.000 euro tondi tondi. Lo scopriremo soltanto alla fine del Day 3, quando rimarranno soltanto i partecipanti al tavolo finale.

Video correlati a: IPO 12 Day 2, quasi terminato il day di gioco

Trascrizione video

E a 18 minuti esatti dalla fine del Day 2 è scoppiata la bolla, quindi tutti i giocatori che vedete alle mie spalle sono a premi. Chiudiamo così dunque l'appuntamento con i nostri aggiornamenti, facendo un saluto a Lucas Sasky che è uscito in bolla con colore all'asso, proprio lui che è rimasto a lungo, nelle fasi iniziali di questa giornata, secondo nel chip count. Adesso il primo in classifica è Riccardo Trevisani, nostro collega, gli facciamo tanti complimenti; vedremo se domani, nel corso del Day 3, riuscirà a mantenere la chip leading e per quanto tempo riuscirà a mantenerla. Tutti i giocatori alle mie spalle, come detto, sono a premi. A domani!

X