|

IPO 12, parla Raphael Naccache di Titanbet

"Titan e IPO, connubio perfetto"

Era IPO 6 quando per la prima volta Titanbet.it ha deciso di presentarsi come partner ufficiale dell'Italian Poker Open. Da allora di acqua ne è passata sotto i ponti, anche se sarebbe meglio dire che di giocatori ne sono passati, dalla sala del nono piano del Casinò di Campione d'Italia. Una vera e propria escalation, culminata con IPO 10 Special Edition, il torneo che l'aprile scorso ha convogliato circa 2.500 player, che si sono dati battaglia per un montepremi garantito di 1 milione di euro.

Jack Bonora ha voluto fare il punto della situazione con Raphael Naccache, country manager proprio di Titanbet Poker, che ci ha tenuto a sottolineare lo stretto rapporto di collaborazione che si è venuto a creare tra lui, Andrea Bettelli (l'organizzatore dell'Italian Poker Open) e tutte le figure che gravitano attorno all'IPO. Non ultimo Paolo Luini, coach della scuola Vivere di Poker, che collabora anch'essa con Titanbet, e che a questo IPO sta facendo faville in qualità di giocatore.

Naccache ha anche parlato dei piani futuri tra IPO e Titanbet: si ricomincerà col nuovo anno, con un torneo da 500.000 euro garantiti, e poi in primavera tutti nuovamente al Casinò di Campione d'Italia per il secondo appuntamento nella storia dell'Italian Poker Open con un Main Event da 1 milione di euro!

 

Video correlati a: IPO 12, parla Raphael Naccache di Titanbet

Trascrizione video

In compagnia di Raphael Naccache, country manager di Titanbet.it, alla dodicesima edizione dell'IPO, 900 giocatori: l'ennesimo successo.

"Ormai il percorso è segnato, si direbbe. Io ho iniziato col sesto IPO: siamo al dodicesimo e l'emozione è sempre la stessa. Dico, non è solo il numero 900 ad emozionarmi, è l'atmosfera del casinò, il rumore delle chip, i dealer e la splendida organizzazione. È sempre un piacere essere qua, insomma".

Grande soddisfazione, ma già proiettato al futuro, perché ovviamente domani ci sarà il tavolo televisivo: 100.000 euro per il vincitore. Ma noi pensiamo già, dal 2 al 6 gennaio, la tredicesima edizione e si parla di 500.000 euro di montepremi garantito; e addirittura ad aprile Andrea Bet ha già annunciato una quattordicesima edizione da 1 milione di euro garantito.

"Jack non ti nascondo: il 30 aprile dell'anno scorso abbiamo fatto un evento da un milione garantito. Grande successo, grande piacere averlo fatto, esser stati presenti, anche con te. Non vorrei sbottonarmi, ma questa sembrerebbe la programmazione per il prossimo anno, sì".

Be', direi che si chiude benissimo la stagione 2013, parte bene la 2014. Ma a questo punto, se il legame è così duraturo, e così importante, come impegno e come fedeltà, bisogna capire meglio Titanbet.it che cos'è. È oggi una delle realtà più importanti del panorama.

"Noi siamo… nasciamo nel poker e facciamo poker, questa forse è l'unica vera verità di Titanbet. Siamo di natura, di origine, veniamo dal .com, siamo passati per il .it. cerchiamo di dare il meglio per i nostri giocatori e per il poker in generale. Io penso che il live, l'ho sempre detto, sia una sponda indispensabile e necessaria anche per l'online, e quindi che insieme si possano davvero fare cose fichissime come questa".

L'IPO vi dà sempre una bella impennata, no, in termini di iscrizioni, di affiliazioni.

"Sì, l'IPO… è il percorso dell'IPO: noi vediamo l'IPO come gli ultimi 4-5 giorni di evento, ma il nostro IPO inizia un mese e mezzo prima almeno, quando partono i satelliti online, quando iniziano le prime comunicazioni sui portali o sui canali ufficiali. Sì, è un percorso che inizia ed è generalmente di grande successo. Ormai abbiamo un pubblico fedele, che viene a giocare i tornei, i satellite, ormai qualifichiamo più di un giocatore ad ogni satellite, addirittura tre se non ricordo… all'ultimo, fatto all'ultimo momento. Nel senso, l'IPO piace ai nostri giocatori quanto a Titanbet piace l'IPO. Sembra davvero un abbraccio felice, un buon fidanzamento".

Abbiamo un giocatore, che è Paolo Luini della scuola Vivere di Poker, con la quale Titanbet ha una partnership strettissima. E oggi tifate per lui, perché in questo momento è nei primi 33.

"Paolo è un grandissimo professionista, e secondo me una splendida persona. Non lo nascondo e lo dico in modo super aperto e diretto. Partner importantissimo per noi, abbiamo fatto e facciamo un sacco di cose carine insieme, di eventi. È parte della famiglia, direi. Cioè oggi possiamo dire che Raphael Titanbet e Andrea Bettelli IPO hanno creato qualcosa di, di insieme, di unito, di non lo so, davvero affiatato; Paolo Luini è ormai parte integrante di questo, come te tra l'altro".

Io faccio il possibile, con la differenza che io intervisto e lui gioca, ma a ognuno il proprio ruolo. Del resto questo è il bello del mondo del poker: c'è spazio per tutti, basta aver la propria dimensione. Però su Titanbet c'è spazio per tutti, perché potete giocare tanti tornei, voglio ricordarlo, e si gioca dal freeroll fino a, ovviamente, i massimi livelli. Chi vuole fare l'amatore, chi vuole fare il professionista.

"Cerchiamo di offrire gioco per tutti, è vero: dal principiante al professionista, quindi… senza dimenticarci che il poker in definitiva è un gioco, quindi un intrattenimento, quindi un modo per divertirsi. Siamo… sappiamo strizzare l'occhio davvero a tutti quanti: su questo non ho ombra di dubbi".

X