|

IPO 13 Campione, potere alle donne!

Come si trovano in un mondo di uomini?

Il poker, si sa, è un mondo prettamente maschile. Di giocatrici ce ne sono tante, per carità, ma al momento non rappresentano neppure un decimo, in media, del field dei tornei live. Quando una donna si siede al tavolo, quindi, per il resto dei partecipanti è una sorta di evento di proporzioni enormi. Sguardi, battute, magari anche qualche parolina di troppo; a parecchie donne è capitato di dover gestire l'esuberanza dei player maschili, non solo quando si tratta di rilanciare, controrilanciare e andare all-in. Abbiamo voluto fare una sorta di sondaggio a IPO 13, per vedere come si trovano le donne impegnate a sfidare gli uomini.

Ne è emerso un quadro piuttosto positivo, forse merito dell'atmosfera dell'Italian Poker Open. Vero, parecchie donne hanno raccontato che all'inizio si sono trovate un po' in imbarazzo, a volte anche a disagio, ma si tratta di sensazioni che bene o male nel corso del tempo sono riuscite a gestire. Oggi giocano senza problemi tornei maschili, ed anzi la maggior parte di loro dice addirittura di preferire un tavolo di uomini. Perché? Sono più diretti e leali rispetto alle donne. E se lo dicono le esponenti del gentil sesso… noi ovviamente ci crediamo sulla parola!

Trascrizione video

Il poker è tradizionalmente conosciuto come un ambiente maschile. Ma con il Texas Hold em sono arrivate sempre più donne ai tavoli. E ovviamente non possono mancare alla tredicesima edizione dell'IPO. La nostra Sara è andata a raccogliere le loro sensazioni per capire meglio come ci si trova in un mondo tipicamente maschile. Però c'è anche una sorpresa.

“Per me nulla. È lo stesso, come se fossero un ambiente misto”.

“Io è un paio di anni che ci gioco e ormai... All'inizio sì, un po' di ansia. La situazione che si è in mezzo a tanti maschi. Però poi adesso è come se fossi maschio anche io”.

“Mah, io mi trovo a mio agio sinceramente. Però alcune volte può essere anche un po' imbarazzante. Sì”.

Tipo? Che situazioni ti possono essere capitate?
“Beh, io personalmente faccio massaggi, faccio l'office massage, quindi non maleducazione no, assolutamente, anzi molto rispetto, quello si,. Però sei sempre insomma, in un salone enorme con tante persone maschili. Con tanti uomini. Quindi, insomma, ti puoi trovare a tuo agio, perché comunque ti fanno sentire a proprio agio, però c'è sempre, insomma, quell'imbarazzo che noi donne magari ogni tanto abbiamo no?”.

“Non ci sono problemi di nessun genere. No, assolutamente. E' anni che gioco con gli uomini ed è tutto normale”.

Come se fossero tutte donne?

“No, no, assolutamente. Però basta che ci sia rispetto poi si gioca tranquillamente”.

“Sono abituata a stare in un ambiente maschile, per cui devo dire, sinceramente mi trovo meglio con i maschi che con le ragazze, sì”.

Cos'è che cambia? Che differenza c'è?

“Mah, i maschi secondo me sono più leali, più sinceri. Le femmine sono più... non lo so, non vorrei usare termini sbagliati. Però preferisco piuttosto avere una discussione con un maschio che è molto più leale che con una femmina, che ci gira intorno, e nasconde sempre qualcosa”.

Carolina, lavori per IPO già da moltissime edizioni. Mi dici cosa si prova a stare in un ambiente che è praticamente tutto maschile?

“All'inizio un po' di agitazione c'è stata. Però dopo un po'...”

Si prova imbarazzo?

“Beh, io personalmente, che di carattere sono abbastanza timida, si. Però dopo un po' la gente comunque è molto carina, non esagera comunque. Sta sempre nel suo... Quindi va tutto…”

Non cambia niente tra uomini e donne quindi?

“No”.

“No per... Ci si fa l'abitudine. Qualche battutina la fanno...”

Ci sono delle battute?

“Ogni tanto, qualcuno si”.

E tu come reagisci?

“Io faccio finta di niente”.

Meglio stare tra uomini o donne?

“No, io mi trovo bene. Io mi trovo bene. Non mi danno problemi”.

Quando hai iniziato c'è stata qualche situazione di imbarazzo oppure no? Ti sei trovata male?

“No, sì all'inizio sì. Poi ci fai l'abitudine”.

Siamo con Luna, la grande madrina dell'IPO.

“Ciao a tutti”.

Mi dici cosa si prova a stare in un ambiente maschile. Sei a contatto con tantissimi uomini, solitamente è così?

“Allora. Io facendo questo lavoro sono abbastanza abituata. L'importante è prenderla sportivamente con gli uomini. Insomma, se scappa qualche battutina non bisogna prendersela. Anzi divertirsi”.

Ti sono mai capitate situazioni di imbarazzo?

“Beh, diciamo di sì. Però...”.

Come reagisci?

“Cercando di scherzare, di prenderla un po' così, magari fai finta di niente...”

“Io bene perché gioco… perché c'è mio marito”.

Quindi è al sicuro.

“Assolutamente sì”.

"Bene, non male dai. Non ho particolari problemi".

Ci sono mai state situazioni di imbarazzo?

"Sì. Sì, ma le ho superate"...

Come hai reagito, per dire, la prima volta?

“Molto male ho reagito. Quando ho cominciato a giocare due anni fa è stato molto imbarazzante per me. Però dopo ho imparato a star tranquilla, insomma”.

Hai imparato a rispondere?

“Bravissima. Si rispondo molto con toni accesi troppe volte”.

“Io mi trovo bene. Ho giocato anche diversi tornei femminili. Non mi sono piaciuti. Mi piacciono di più quelli dove ci sono gli uomini”.

Perché sono più diretti? Che differenza c'è?

“C'è più gioco. Tra donne sembra che c'è sempre rivalità. Invece qui si gioca”.

Gli uomini sono più sereni?

“Si”.

Ci sono mai state situazioni di imbarazzo in cui ti sei trovata con qualche uomo all'inizio?

“Mmmh...sì qualcosa sì, quando dicono delle cose che non devono dire. Logicamente la donna non è che è tanto abituata a delle parole un po' grosse”.

Come risponde?

“Io non rispondo. Faccio finta di niente”.

“Preferirei le donne. Però per altri motivi credo, rispetto a quelli dell'intervista”.

Mi dici cosa si prova a stare in un ambiente pieno di uomini?

“Oddio sicuramente non è molto emozionante. Però comunque ci si arrangia. Poi comunque ci sono le ragazze che passano, e quindi poi ci sei anche tu, anche quando sei lontana, ci si annoia ti si segue con lo sguardo. Alla fine passa il tempo".

È meglio stare con gli uomini o con le donne?

“Per concentrarsi è meglio con gli uomini, con una dealer così carina è più difficile”.

X