|

IPO 13 Day 3, approcciando la pausa cena

Le ultime news dal Casinò di Campione

Non di solo pane vive l'uomo, diceva "qualcuno" un paio di millenni fa. Be', potremmo dire anche che non di solo poker vive il pokerista, qui alla tredicesima edizione dell'Italian Poker Open. Sì, perché quando siamo giunti alla fine del 28° livello di gioco, con bui ormai da 25.000 e 50.000 (ante 5.000), è ora di cominciare alla pausa per la cena. Un momento importante, per recuperare le energie fisiche e mentali e immettere un po' di carburante, necessario per arrivare a fine giornata. Nella sala buffet è già tutto pronto, menù compreso: si va dai semplici tramezzini alla pasta al pomodoro, passando per ravioli di magro e penne all'arrabbiata. Poi naturalmente bresaola, per rimanere leggeri, formaggio e insalata, senza dimenticarsi dei dolci.

IPO 13 sta dunque entrando nella sua fase clou; è cominciato il processo che ci porterà verso il tavolo finale da 8 giocatori, di cui possiamo comunicare il pay-out:

1) 105.000 euro
2) 66.000 euro
3) 44.000 euro
4) 32.000 euro
5) 22.000 euro
6) 16.000 euro
7) 11.000 euro
8) 8.000 euro

Davvero niente male, per un torneo che costa soltanto 550 euro e che, già al solo scoppio della bolla, in questa edizione ha attribuito un premio sensibilmente più alto del normale, per volere del direttore Raffaele Maria De Nicola.

Trascrizione video

Benvenuti all'appuntamento con IPO 13, è il momento di vivere le fasi più emozionanti dell'Italian Poker Open. Una tredicesima edizione che ha raccolto ben 1.006 iscritti e che regalerà al trionfatore la cifra di 105.000 euro, a fronte di un investimento di 550. In questo momento i giocatori sono in pausa cena quando è terminato praticamente il 28° livello di gioco, e i bui sono 25.000/50.000 con ante 5.000.

Quindi andiamo subito, vedo il monitor di servizio, a conoscere meglio i dettagli tecnici di questa magica kermesse, con il direttore del torneo, Raffaele Maria del Nicola, intervistato dal nostro inviato Cristiano Ruiu. Mi senti Cristiano?

Grazie Jack, sì ti sento molto bene. Siamo qua, sempre nella sala al nono piano del Casioò di Campione. Abbiamo approfittato di questa pausa cena, vedete alle nostre spalle è in corso il cambio delle chips, per disturbare per qualche minuto dal suo duro lavoro, Raffaele Maria del Nicola, noto tournament director qua dell'IPO 13. Come sta andando questa prima tappa del 2014? È iniziato bene il nuovo anno?
“Mah, assolutamente sì, i numeri si stanno già, insomma, è stato per l'ennesima volta l'IPO un torneo di grandissimo successo. In questo momento siamo in una pausa cena del Day 3. L'obiettivo di oggi è quello di raggiungere il tavolo finale, televisivo, di domani da 8 giocatori, composto dagli 8 finalisti. Per ora stiamo procedendo abbastanza bene. Tutto liscio come l'olio. Veramente tutto molto perfetto”.

E in base ai tuoi calcoli e alla tua esperienza, anche se naturalmente non si potranno avere dati certi, a che livello si potrebbe raggiungere il final table questa notte?  

“Mah, più che livello parlerei più che altro di orario, nel senso che la struttura dell'IPO è collaudata. È una vera maratona di poker sportivo. I giocatori sono molto impegnati per lunghe ore al tavolo. A mio avviso dovremmo raggiungere il final table, più o meno, come di solito, intorno alle 2 di questa notte”.

Ecco, tra l'altro tu ieri, ti sei preso una bella responsabilità, perché hai fatto giocare ad oltranza fino a che non si  arrivati alo scoppio della bolla. Perché un tournament director esperto come te decide di fare questa scelta?

“Allora, parto dal presupposto che per questa edizione di IPO 13 si è voluto pagare il 10% degli iscritti effettivi del torneo senza considerare i rientri. Dando ovviamente un primo premio, appena i giocatori vengono eliminati dalla fase di bolla, abbastanza importante. Questo ha reso ovviamente  la bolla un po' più lunga perché solitamente pagavamo una ventina di posizioni in più rispetto al pay-out di questa edizione. Questo ci ha portato un po' a ritardare lo scoppio della bolla. Nonostante questo io ieri ho preso la responsabilità, volevo assolutamente che i giocatori tornassero oggi tutti a premio. Ed ho fatto i giusti calcoli  siamo riusciti a giocare nei tempi prestabiliti la bolla di ieri”.

Complimenti allora, grazie a Raffaele di Nicola, dalla sala è tutto. Jack ti restituisco la linea.

Ok Cristiano, grazie mille, ci ritroviamo tra poco. Adesso rientriamo subito in studio perché da fare una serie di considerazioni. Intanto vediamo di capire quali sono i premi per i giocatori che arriveranno al final table. Perché tutti sognano di arrivare al tavolo finale, vuoi anche per l'emozione della presenza delle telecamere. Ma un aspetto che non si può non evidenziare è la grandissima differenza che c'è tra un primo ed un ottavo posto. Tanto per dire, l'ottavo porta a casa 8.000 euro. Il settimo 11.000. Il sesto 16.000. Il quinto 22.000. Il quarto 32.000. Il terzo 44.000. Il secondo 66.000 ed  il primo 105.000. Insomma una carta può veramente cambiare un destino se non della vita almeno della vita pokeristica. Questo è innegabile. C'è uno scalino, per esempio, che adesso andremo a trovare, per i giocatori che arriveranno nei primi 24. Si passerà da 3.070 euro a 3.650. Non è una cifra clamorosa, però è comunque una cifra che, diciamo, garantisce quanto meno il ticket, tra virgolette, per il prossimo IPO, il numero14, quello da 1 milione di euro garantito. Poi al tavolo finale, veramente si fanno dei conti molto precisi perché, ve l'abbiamo detto, tra primo e secondo posto, un heads-up varia di 40.000 euro. Ma abbiamo detto che siamo in pausa cena per cui a questo punto io chiedo subito al nostro Cristiano dov'è, ma vedendo il monitor una sensazione ce l'ho, è mi viene pure una certa acquolina in bocca. Cristiano allora dove siamo?

Eccomi qui Jack. Sono dall'altra parte della sala del nono piano del casino di Campione. Sono in uno degli angoli più ambiti del Casinò di Campione perché siamo vicini alla pausa cena e quindi anche vicini alla zona buffet. Seguitemi pure, entriamo nella zona buffet. C'è già qualche malintenzionato che esce dopo aver scroccato qualcosa. Naturalmente le nostre ragazze Luna e Carolina, sono qui ad accogliere i giocatori affamati. Alla cifra davvero modica di 25 franchi, oppure 20 euro, un pasto completo, una cena completa, che adesso andremo a scoprire insieme. Entriamo pure, con permesso, grazie. Entriamo pure nell'area ristorante. Tavoli che stanno per essere apparecchiati, buffet che sta per essere allestito con due dei nostri chef. Vedete le portate non ci sono perché vengono fatte espresse, all'ultimo momento, proprio per assicurare una grande qualità. È così?

“D'accordo. Perfetto”.

Ecco, che cosa ci sarà stasera, quindi nella pausa cena, Day 3 dell'IPO, da mangiare per i nostri giocatori?

“Stasera abbiamo delle penne all'arrabbiata, ravioli di magro, e pasta al pomodoro. Bresaola, insalate, formaggio”.

E naturalmente i dolci.

“Dolci, tramezzini come ieri, delle insalate varie".

Ma mangiano tanto i giocatori?

“Abbastanza”.
Però non devono appesantirsi troppo.

“Beh mi sembra giusto se no dopo la mente... invece che mandare l'all-in fanno fold e perdono la mano”.

Grazie grazie, allora naturalmente buon lavoro, e Jack a questo punto io ti aspetterei direttamente qua, nella sala della cena. Non so, tu cosa dici? A te la linea.

Benissimo benissimo Cristiano, ci vediamo tra poco. Ah, no ci vediamo subito perché insomma l'orario è perfetto per venire a stuzzicare qualcosa. Io ho già avuto modo di apprezzare la buona cucina del Casinò di Campione d'Italia. Per cui mi sento proprio di dirvi, per una volta tanto, invece di buonasera, buon appetito. A dopo.

X