|

Hand review con Castelluccio

IPO 18 day 1A: hand review con Castelluccio

Torna anche in questo IPO 18 Campione la tradizione della hand review, l’analisi di mani di gioco giocate durante il torneo stesso. Inugura la lista di hand review dell’Italian Poker Open 18 Sergio Castelluccio uno dei grandi nomi presenti a questa edizione del torneo. Intervistato da Cristiano Ruiu analizza una mano giocata durante il primo livello del day 1A da Giuliano Boellis che gioca in posizione di BB.

La mano inizia con l’apertura in middle position da 250, chiamano il bottone, il piccolo e il grande buio. Tutti sono full stack visto che si tratta della terza mano di gioco. Bolellis apre da NP. Un’apertura molto standard che non dice molto. Il flop mostra 8 cuori, 3 di quadri e Q di picche. Anche dopo le mosse dei giocatori è ancora difficle pronunciarsi. Boellis chiama. La giocata più interessante da analizzare in questo stato di incertezza è la c-bet da parte del giocatore in middle position.

Al turn scende sul board A di cuori. Boellis fa check. Poi dopo le mosse degli avversari Boellis da BB tribetta a 2600. Che mani avranno i giocatori rimasti in gioco? Castelluccio pensa che il BB abbia una mano molto forte o un draw forte. Castelluccio pensa che anche la mano del bottone sia piuttosto forte.

Il river mostra 5 di quadri. Boellis punta di nuovo 3500. Le carte del bottone sono A-9, mano che Castelluccio avrebbe foldato da tempo, addirittura già al flop. Boellis mostra le carte e in effetti aveva un draw mancato.

Video correlati a IPO 18 Campione: Hand review con Castelluccio

Trascrizione video

Benvenuti al nuovo appuntamento con la nostra rubrica della hand review, la prima durante questo IPO 18esima edizione. E per la prima hand review di questo IPO non poteva che esserci un ospite speciale, Sergio Castelluccio: buonasera Sergio e grazie per aver accettato il nostro invito.

Buona sera ciao

Tutti aspettano naturalmente il tuo commento sulla mano, soprattutto il diretto interessato. E allora la andiamo a vedere, anche perché il diretto interessato è colui che gioca da Big Blind e si tratta di Giuliano Boellis, recente vincitore del Barracudas. Quindi, siamo al primo livello di giornata, bui 50/100, c’è l’apertura in Middle Position a 250, chiama il bottone e chiamano anche piccolo e grande buio. Tutti sono full stack in quanto siamo alla terza o quarta mano di giornata. Fino a questo momento c’è poco da dire e possiamo andarci a vedere il flop, con l’aiuto del nostro dealer Daniele, che è 8 Q 3 flop rainbow. C’è il check del piccolo, il check del grande, la c-bet da parte del giocatore in Middle Position che decide di puntare 300, il call del bottone, passa il piccolo buio, quindi eliminiamo le sue carte, chiama Boellis da BB. Ancora difficile, forse la c-bet è molto standard.

E’ indefinibile anche perché la c-bet su Q 8 3 rainbow dipende un po’ dal giocatore che la effettua, ma in questo caso può essere fatta anche con aria, con un incastro, con AK che in questo caso sono due overcard e danno comunque un po’ di equità e anche con un 3 preso. Insomma, dipende da tante cose ed è ancora indefinibile.

E il call?

Il call del Big Blind è ancora abbastanza indefinibile, diciamo che anche lui può avere anche un incastro. Il range con cui mette può essere un range che ha hittato, una pair a terra o anche un gutshot che in questo caso è dato solo da  J 9, J T e T 9. Queste mani può averle tutte.

E allora andiamo a vedere finalmente il turn così cerchiamo di capirci di più anche perché fino a questo momento è tutto abbastanza nella norma. Casca l’Asso di cuori e a questo punto c’è da parte del Big Blind, ovvero di Boellis  il check, MP betta 850 e va ancora in continuation bet.

Quindi il pot preflop era 1000, la c-bet invece?

La c-bet al FLOP era di 300, la c-bet al turn è di 850, dopo il check dello small blind, chiama il giocatore da bottone e a questo punto Boellis che è di Big Blind decide di fare 2.600, quindi di 3-bettare. Ecco prima di dirti qual è lo sviluppo, arrivati a questo punto che mani possiamo assegnare ai player in gioco?

La mano del Big Blind è probabilmente o una mano molto molto forte, o un set nascosto sul FLOP tendo ad escludere che sia di donne per il fatto che non ha squeezato preflop. In ogni caso può essere anche set di donne senza lasciare che si sono aperti diversi draw. Presupponendo che abbia J 9, J T o T 9 a cuori, adesso si sono aperti 12 outs. Può avere quello: gli attribuisco o mano forte o draw forte.

A questo punto R decide di passare sul 2600 dopo aver bettato 850, bottone che aveva flattato, invece, gioca.

Quindi 5200, su 1900 siamo a 7100 di pot

La mano del bottone cosa potrebbe essere per aver flattato sia gli 850 sia i 2600?

Anche lui dovrebbe avere una mano forte. Potrebbe avere A3 o A8, tutte mani che adesso flatta e che continuerà a flattare giustamente. In questo caso può fare solo quello e non può andare sopra. Sicuramente avrà una mano abbastanza forte anche lui. Vediamo.

Andiamo a vedere il river così completiamo la nostra mano, casca un 5 di quadri e a questo punto Boellis decide di puntare ancora: la size è 3500.

Su 8000 di pot, ok una size abbastanza standard...

Ti mostro le carte del bottone così mi dici se secondo te deve chiamare oppure no.

A 9, quindi aveva pescato l’Asso.

Backdoor di colore al flop con un overcard, poi pesca l’Asso e su check raise… Beh io avrei foldato già prima A9 in questo spot. Non mi ci sarei messo

Avresti foldato al flop?

Avrei foldato al flop, avrei foldato anche al turn su rilancio di 2600. Ora, però, che l’avversario punta 3500 le può anche mettere...

Ma metterle perché? Fai il bluff all’avversario?

Al river? Beh come ti ho detto l’avversario, lo polarizzo su set o su draw forte, draw di 12 outs, ovvero T J, J 9, T 9 a cuori e quindi se ho chiamato turn e non si è chiuso il draw vuol dire che penso di essere buono e metto. Ma è tutto per assurdo perché io ho investito 250, cioè ho fatto meno 250 e il mio torneo è rimasto invariato. A questo punto chiamo.

E infatti chiama il bottone e il Big Blind deve mostrare le carte e come avevi detto te è un draw mancato, quindi ha provato al river. Ecco la domanda finale è questa: come giudichi tutta la condotta del Big Blid e soprattutto la puntata anche nella size al river?

Diciamo che ci può stare, ma in questo field non avrei provato a bluffare il river, ci sta la c-bet al flop e anche al turn. Il check-raise al turn mi piace anche come linea, anche si può uscire anche puntando forte direttamente sul turn. Preferisco puntare ma va bene anche il check raise.

La size al river è corretta?

Si la size al river in questo… Diciamo che qui non avrei bluffato e avrei sempre givuppato la mano al river.

Grazie Sergio sei stato gentilissimo ti lasciamo fare la pausa e poi tornare al torneo.

Ciao Grazie.
 

X