|

IPO 8, la gastronomia del poker!

In 250 al buffet del Casinò di Campione d'Italia

Da una parte il tavolo, dall'altra la tavola. Da una parte il poker - il grande poker, visto che parliamo di IPO 8 - dall'altra la cucina. Sì, perché non di soli raise vive il giocatore, che dopo ore e ore passate a foldare, chiamare, rilanciare e magari andare all-in, sente ovviamente la necessità di riempire non solo il proprio stack, ma anche lo stomaco.

Al Day 2 dell'Italian Poker Open sono rimasti circa 500 giocatori, degli oltre mille che si sono iscritti al Day 1A e al Day 1B. Moltissimi di loro hanno provato il buffet del Casinò di Campione d'Italia, che offre cannelloni, gnocchi ai quattro formaggi e penne al pomodoro: un tris di primi che, per i più affamati, si trasforma in un full house grazie agli affettati, o addirittura in un 'quads' con la vasta gamma di dolci.

Italian Poker Open vuol dire qualità. Nel poker come in cucina. E non è certo semplice mettere d'accordo il gusto di così tante persone, cucinare abbinando la quantità necessaria a sfamare centinaia di player (magari pure arrabbiati dopo una brutta bad beat) e la qualità del cibo. Eppure al Casinò di Campione d'Italia si vede questo ed altro. Che dire se non 'provare per credere'?

 

Trascrizione video

Non è facile fare tris al tavolo, di sicuro è più facile farlo a tavola. Almeno, al buffet del Casinò di Campione d'Italia, che presenta ai giocatori cannelloni, gnocchi ai quattro formaggi e pennette al pomodoro. E se non si è nuts, turn e river sono affettati di qualità e dolci di alta pasticceria.

Gli iscritti hanno superato le 1.000 unità, divisi in Day 1A e Day 1B. Dal Day 2 si aprono le porte del buffet, che a quell'ora conta 250 giocatori dei 500 che hanno superato il primo step.

Da un lato, non è facile offrire un servizio di qualità a un numero così elevato di persone, dall'altra parliamo di soggetti che hanno uno stato d'animo che può oscillare dall'euforico al disperato. C'è chi butterebbe  già qualsiasi cosa, chi non sarebbe in grado di toccare cibo. Quindi, per le papille gustative ci saranno giorni migliori.

Ma i grandi giocatori sono quelli che dimenticano i tavoli per 60 minuti, bevono acqua naturale e si gustano un buon menù, lasciando agli altri le bad beat. Questo buffet è per loro, il poker è per loro. Insomma, dimmi come mangi, e ti dirò come giochi.

X