|

Italian Poker Open 8, il torneo dei record

L’IPO 8 batte tutti i record, oltre 1000 iscritti

Day 1A + Day 1B = Record. Possiamo riassumere così l'equazione fondamentale dell'ottava edizione dell'Italian Poker Open, quella che ha fatto segnare il numero in assoluto più alto nella storia di un torneo di poker made in Italy. Sono infatti più di 1.000 i giocatori che hanno deciso di partecipare, chi versando l'intero buy-in di 550 franchi svizzeri, chi invece riuscendo a qualificarsi tramite uno dei tornei satellite che si sono giocati sia live, sia sulla piattaforma di TitanBet Poker.it, che fa da sponsor a questo importantissimo evento nazionale.

Anche perché investire 550 franchi svizzeri, e vivere la prospettiva di portarsi a casa una prima moneta da oltre 100.000 franchi, non è cosa che può capitare tutti i giorni. Soprattutto perché anche IPO 8 ha, come tutte le edizioni precedenti, una struttura molto 'deep', che rispetta i giocatori, permettendo loro di mettere in campo tutte le proprie skill.

Per il momento il più bravo di tutti, almeno nel Day 1B, è stato Giorgio Troccoli, capace di accumulare uno stack di 297.000 gettoni. E visto che i bui hanno toccato quota 1.200 (small blind) e 2.400 (big blind), questo significa che attualmente il chip leader può contare su uno stack nettamente superiore a 100x. Un margine di manovra enorme, degno dei più grandi tornei di poker di livello internazionale. Perché all'Italian Poker Open è la struttura giocabile, più che i freddi numeri (seppure da record), a farla da padrone.

Video correlati a: Italian Poker Open 8, il torneo dei record

Trascrizione video

È il giorno dei record, il giorno dei 1.000 iscritti a un torneo di poker. Ma l'IPO non è solo numeri, per quanto entusiasmanti, ma anche e soprattutto Texas Hold'em giocato.

Sono 247 gli iscritti, che si uniscono ai 234 del Day 1A, per un Day 1B che si annuncia appassionante. Del resto, la prima moneta, come anticipato, supera i 100.000 franchi svizzeri, e a fronte di un investimento di 550, come si dice in gergo, è tanta roba.

A condurre i giochi c'è Vittorio Troccoli, con le sue 297.000 chip. I bui sono a 1200 e 2400 e per lui il margine di manovra è certamente ampio. Ma anche per tanti altri giocatori, perché all'IPO si guarda i record, ma si sa che si ottengono rispettando chi si iscrive. E la struttura giocabile la fa, come sempre, da padrona.

X