|

IPO 8, Vincenzo De Rosa e il suo poker team

L'Italian Dream Poker arriva direttamente da Napoli

La dimostrazione dell’attrattiva dell'Italian Poker Open è data dal fatto che i suoi partecipanti arrivano un po' da tutta Italia. Come ad esempio Vincenzo De Rosa, che con il suo Italian Dream Poker proviene addirittura da Napoli. Questa squadra di appassionati non è certo nuova dell'Italian Poker Open.

"Sì, è il quarto torneo a cui partecipiamo - racconta Vincenzo - Il miglior risultato lo abbiamo avuto a IPO 6, con un terzo e un decimo posto al Main Event, più altri 4-5 in the money. Inoltre abbiamo vinto entrambi i Side Event. A IPO 7 invece solo io ho vinto il Side Event".

Vincenzo ha raccontato un po' dell'esperienza del suo Italian Dream Poker: "Questa edizione siamo qui in 12, l'altra volta eravamo di più. Ci piace l'IPO perché a livello organizzativo è il top, poi è il torneo deep stack più giocabile, con un buy-in sostenibile. Siamo venuti in aereo fino a Milano, poi da lì in macchina fino a Campione".

E come sta andando questo IPO 8? "Non bene, purtroppo. Del nostro team ci rimane in gioco soltanto Giulio Avati, che è nel Main Event poco sopra average. Ovviamente gli facciamo l'in bocca al lupo… e che crepi il lupo!"

Video correlati a: IPO 8, Vincenzo De Rosa e il suo poker team

Trascrizione video

Da Napoli alla Svizzera. Vincenzo De Rosa, e direi il suo team a tutti gli effetti, ha scelto di partecipare a questo fantastico Italian Poker Open, dove per altro voi avete già ottenuto bei risultati.

"Sì questo ormai è quasi il quarto torneo a cui partecipiamo, tutto il nostro gruppo. Quello in cui abbiamo ottenuto più risultati è l'IPO 6: un terzo posto, un decimo posto e quattro o cinque in the money, vincendo entrambi i due side event. Mentre all'IPO 7 solo io ho vinto il side event, 11.600 franchi".

Come si chiama il vostro team e quanti siete?

"Italian Dream Poker, questa edizione siamo venuti su 12, 12 di noi. L'edizione scorsa eravamo un po' in più, sono venuti un po' a mancare diciamo per situazioni sporadiche".

Perché l'IPO?

"L'IPO perché è il torneo secondo me organizzato benissimo, è il Deep Stack più giocabile per il nostro livello diciamo. Un buy-in accettabile e l'organizzazione è il top, il top in assoluto, non c'è di meglio secondo me".

Aereo o macchina?

"Aereo e macchina. Napoli-Milano, macchina Milano-Campione.

Quindi pronti per l'IPO numero 9.

"Certo, perché questo è andato male, è andato un po' male. C'abbiamo soltanto Giulio Avati, che è ancora nel Main Event, in corsa".

Come va a stack?

"È in average, poco più dell'average".

Gli facciamo l'in bocca al lupo?

"Certo… crepi".

X