|

IPO 9, l'intervista a Rocco Palumbo

Dalle WSOP 2012 all'Italian Poker Open 9

Rocco Palumbo appartiene a una ristretta elite del poker italiano: è infatti uno dei cinque giocatori ad aver vinto un braccialetto alle World Series of Poker, nell'ultima edizione disputata nel 2012. Lo ritroviamo in occasione del Main Event di IPO 9 e naturalmente Jack Bonora non poteva non intervistarlo. Rocco si è detto entusiasta dell'Italian Poker Open, un torneo da lui definito appassionante e divertente, anche se purtroppo è già stato eliminato. 'RoccoGe', com'è conosciuto online, ha tessuto le lodi di IPO 9 trovando l'aggettivo giusto: prorompente. Non solo per l'altissimo numero di player, ma anche per il clima molto amichevole e gioviale.

Naturalmente non poteva non tornare sulla sua impresa di vincere un braccialetto alle WSOP 2012. Rocco si è definito ancora un po' spostato da quell'evento,  anche se è riuscito a mantenere i piedi per terra. Come? Giocando i tornei più difficili che ci siano e rendendosi conto che vincere un braccialetto non è un punto di arrivo, ma un punto di partenza.

Palumbo ha quindi parlato della situazione del poker online in Italia, con molte poker room che stanno tagliando e non rinnovando i contratti anche a giocatori importanti. Secondo Rocco non è tanto colpa dei giocatori stessi, quando della volontà delle room di modificare le proprie strategie di marketing a vantaggio di quei personaggi che riescano a catturare maggiormente le attenzioni dei media.

Video correlati a: IPO 9, l'intervista a Rocco Palumbo

Trascrizione video

Rocco Palumbo, da un braccialetto alle WSOP all'IPO di Campione d'Italia. I mesi passano, il poker c'è sempre.

"Sì, poi Campione è vicino, quindi è decisamente più comodo che Las Vegas. Magari il torneo è un po' più piccolo però è un bell'ambiente, il torneo è molto bello, un gran field, quindi insomma, mi sembrava un appuntamento necessario".

Divertente, appassionante, a Las Vegas ti sei messo al polso un braccialetto. Qui invece una piccola delusione, anche se vedo che in famiglia potrebbe rimanere qualche gioia, perché la signora è impegnata al tavolo.

"La signora è ancora dentro al tavolo, non è… è un po' sotto media, però comunque spero si faccia valere. Comunque è pur sempre un'esperienza, lei adesso sta giochicchiando, quindi insomma, sono contento che anche solo intraprenda 'sta esperienza. Per me, non bene, diciamo che al polso c'ho giusto l'orologio portato da casa, però…"

C'è chi lo perde, secondo me tu vai ancora bene.

"Sì insomma, non l'ho usato per il buy-in quindi va bene dai".

Ritorniamo un po' dai a questa magica estate con il braccialetto. Il tempo è passato, forse uno riesce anche a metabolizzare, no?, quella magica emozione. Tu sei un ragazzo equilibratissimo, però dentro di te?

"Be' sì, sicuramente sono ancora molto non scosso, però insomma un po' spostato da questa cosa. Nel senso che comunque insomma, metabolizzarlo non è così facile. Però c'è da dire che comunque mi aiuta molto iniziare a frequentare il livello che prima non frequentavo di gioco, quindi un po' più alto, dove sono tutti star. E quindi insomma questo ti aiuta a rimanere un po' con i piedi per terra, perché insomma giocare tutti gli EPT o comunque i tornei dove, anche se tu hai vinto un braccialetto, non è che sei sul tetto del mondo, ti aiuta molto a capire che anche se tu hai vinto quello, c'è sempre qualcuno che ha vinto più di te. Quindi insomma questo aiuta molto a rimanere stabilizzati, e quindi forse non ti fa rimanere sulla cresta dell'onda mentalmente".

Vedo che hai anche due patch, insomma, eri già sponsorizzato però vincere aiuta immagino a richiamare l'attenzione degli sponsor.

"Be' sicuramente per mantener gli sponsor e per far andar le cose bene è importante avere dei risultati ma anche impegnarsi. Penso che forse sia ancora più importante darsi da fare, sia mediaticamente ma anche solo dimostrare che comunque hai voglia di fare qualcosa. E l'altro non è uno sponsor ma è un mio investimento, comunque Pokeropoly è abbastanza adesso nel panorama italiano online. Un sito di compravendita di quote, sta andando abbastanza bene, comunque siamo nati da praticamente un anno, quindi insomma siamo abbastanza nuovi".

Idea interessante dai, me la spieghi perché io sono un curioso, io mi lascio affascinare da queste cose.

"Be' diciamo che non è proprio un'idea nostra, è presa da Chip Me Up, un sito ormai storico, molto vecchio, che gestisce la compravendita di quote, principalmente di tornei live, in questo caso di giocatori molto famosi. Ovviamente noi gestendo il panorama .it non abbiamo Daniel Negreanu, gente del suo calibro, però comunque gestiamo sia i live che gli online, comunque il panorama .it è piccolo, quindi tutti conoscono tutti, quindi è facile trovare in vendita le quote del tuo amico. E noi gestiamo praticamente, aiutiamo per la sicurezza delle cose. Alla fine potresti tranquillamente fartelo in privato, però noi comunque diamo un po' più di sicurezza per evitare problemi diciamo".

A proposito di amici, vedo che tanti stanno chiudendo i rapporti con le poker room che li sponsorizzavano. Che succede?

"Be' sicuramente le poker room stanno facendo molti tagli. Alcuni probabilmente giusti dal punto di vista del marketing. Sicuramente vediamo molti giocatori in gamba, per non dire straordinari, che rimangono senza contratto. Spesso non è per una mancanza, per dei veri propri errori; è che le poker room stanno cominciando a capire che serve più qualcuno di attivo sul campo mediatico, o del vero e proprio lavoro, come può essere una sorta di agente, o magari qualcuno che porta di più del se stesso giocatore. E quindi molto spesso è difficile mantenere il proprio contratto, o comunque la propria attività. Basta vedere che comunque anche alcuni nomi mondiali molto grossi sono rimasti senza contratto, e ora non mi sento di dire che se rimane senza contratto un campione del mondo delle World Series, che ha vinto magari il Main Event, purtroppo è difficile mantenere un contratto, o comunque in un market così piccolo come il .it, dove quindi gli introiti sono anche più bassi".

Certo. Ma com'è tua moglie a giocare a poker?

"Be' le carte le sa tenere in mano, speriamo. Adesso vediamo un pochino, comunque giochi… gioca un po' più seriamente da poco, quindi è presto per parlare".

Sarà l'unico caso in cui sarà lei a pagare gli alimenti al marito eh, se continua così con questo IPO.

"Be' non è un brutto plan. Magari fare il mantenuto doppio non sarebbe male nella vita, in effetti".

Un'unica battuta su questo IPO: cosa ci dici di questo torneo? Mi sembra che sia coinvolgente, no?

"Trovare un solo aggettivo è veramente difficile. Sicuramente 'prorompente' mi sembra la cosa migliore, tantissimi giocatori e una grande anche vivacità. Tutti molto… un clima abbastanza friendly, quindi insomma direi che ha i numeri giusti per sfondare in futuro".

X