|

IPO 9, il tifo delle fidanzate

Tante le donne che supportano i player

Dietro ogni grande uomo c'è una grande donna, dice il detto. E dietro ogni grande giocatore? A volte c'è una grande giocatrice, altre volte solo una compagna innamorata che cerca in tutti i modi di dare man forte al proprio uomo. È il caso di IPO 9, dove tra i tavoli si possono trovare tantissime esponenti del gentil sesso, giunte al Casinò Municipale di Campione d'Italia per fare il tifo e non far mancare la propria presenza in un momento importante come un torneo di poker. Un po' come Edvige Fenech, che in "Asso" era la dolce compagna di uno strepitoso Adriano Celentano.

C'è chi chiede un gatto, chi vorrebbe ricevere in regalo un bel viaggio, chi addirittura in uno slancio d'amore non vuole nulla (perché il regalo più bello è stare insieme). L'Italian Poker Open è un vero e proprio universo, dove anche chi non gioca si diverte e apprezza l'organizzazione. Tra le compagne dei giocatori, infatti, molte hanno espresso il loro apprezzamento per IPO 9, dove spicca la voglia di giocare e di mettersi in gioco. Vada come vada, sarà comunque un successo. Perché anche in caso di sconfitta, i giocatori dell'Italian Poker Open avranno qualcuno pronto a consolarli. E scusate se è poco!

Trascrizione video

Vi ricordate Edwige Fenech in Asso? Lei bellissima si gustava le gesta pokeristiche di Adriano Celentano, quello capace di percepire un bluff da un tremito d'orecchio. L'IPO è l'evoluzione della cornice di quel film, che viveva i momenti migliori in una bisca fumosa. Qui siamo invece in un impeccabile casinò, ma le donne fremono ancora per i loro uomini.

"Mi ha già detto che mi regala un gatto"

Sai che si vincono più di 100.000 franchi svizzeri? Ce ne stanno di gatti

"Magari chiedo qualcosa di più direi, no?"

Tipo?

"Mah, magari un viaggio dai".

Come si sta fidanzati con un giocatore?

"Be', abbastanza bene perché ogni tanto gioco anch'io, sì".

Perché questo torneo non l'hai giocato?

"No perché ne basta uno in famiglia. Io gioco una volta ogni tanto per divertimento e basta".

Ti piace l'IPO?

"Sì!"

Amori ufficiali e amori in via di definizione, ma il cuore già batte forte quando lui spilla le carte.

"Può essere".

Com'è così misteriosa?

"Così".

Non puoi ufficializzare?

"No".

Sai però quante chip ha in questo momento?

"Certo".

Se lui vince cosa gli chiedi?

"Assolutamente niente, è già un regalo averlo vicino".

Giovani, belle, speranzose ma non esose. Se lui vince, un viaggio e la sua felicità bastano e avanzano.

"Eh non lo so, poi vediamo, l'importante è che vince, poi vediamo".

Vacanza?

"Magari, Maldive".

Apperò, bisogna andare a premio per bene!

"Tavolo finale!"

Qualcuna non teme lo scoppio degli assi, piuttosto la telecamera, ma al river, tra virgolette, si concede.

"Sta vincendo".

E se lui vince, tu che cosa vinci?

"Io vinco… l'intervista che non volevo!"

Eh be' t'ho fregato, ma un viaggio te lo regalerà?

"Siamo tornati oggi, ne faremo un altro".

Si può fare. Dov'eri in vacanza?

"A Madonna di Campiglio".

Bene, mi sembra discreto. Ti piace questo torneo? Bello?

"Molto carino, non c'ero mai stata, prima volta per me".

Qual è la cosa più bella di questo IPO?

"Tanta gente che ha voglia di giocare, mettersi in gioco e ci crede, crede nelle carte".

Ma lo sai quante chip ha il tuo fidanzato?

"Guarda, sta racimolando qualcosa adesso".

Ah è quello che ha appena detto 'Vamos', tutto contento?

"Sì".

Hai visto che le interviste portan bene?

"Speriamo!"

Come direbbero Jo Squillo e Sabrina Salerno: siamo donne, oltre le gambe, pardon, oltre le carte c'è di più.

X